L'influenza del cane salta ai gatti per la prima volta negli Stati Uniti

(Credito immagine: Getty Images)

Un virus che una volta era visto solo nell'altro migliore amico dell'uomo, i cani, ora è passato ai gatti per la prima volta negli Stati Uniti. Cosa significa questo per i proprietari di felini? Hai bisogno di iniziare a preoccuparti per i tuoi amici sfocati o avrai bisogno di un nuovo vaccino?

Nel Midwest, l'influenza del cane H3N2 è stata rilevata in più gatti quest'anno per la prima volta negli Stati Uniti La presenza dell'influenza nei gatti è stata scoperta dalla School of Veterinary Medicine dell'Università del Wisconsin. Più specificamente, il virus è stato trovato nei gatti che si trovavano in un rifugio per animali locale. Sono stati tutti messi in quarantena.





Questa è stata la prima volta che l'influenza canina è passata ai gatti negli Stati Uniti.Tuttavia, questo potrebbe essere già accaduto durante un'epidemia in Corea del Sud.

L'influenza del cane è pericolosa nei gatti?

Finora, l'influenza canina non sembra essere particolarmente pericolosa nei gatti, sebbene la dimensione del campione sia comprensibilmente piccola. In effetti, la maggior parte dei cani che prendono l'influenza hanno anche un caso lieve, sebbene il virus sia noto per causare la morte in alcuni cani.

L'anno scorso c'è stata una significativa epidemia di influenza canina H3N2. Più di 1.000 cani nel Midwest sono risultati positivi e sei cani sono morti.



(Credito immagine: Getty Images)

Ecco i sintomi dell'influenza canina nei gatti

L'influenza è un virus delle vie respiratorie superiori, quindi cerca questi tipi di sintomi nei tuoi gatti. Questi sintomi includono naso che cola, congestione e stanchezza generale. Tuttavia, questi possono anche essere i segni di una diversa malattia respiratoria. I gatti possono anche sbavare eccessivamente e schioccare le labbra.

I veterinari raccomandano di tenere i gatti che hanno questa influenza separati dagli altri animali domestici fino a quando i sintomi non diminuiscono. Fai attenzione a tenere le mani lavate e i vestiti puliti, in modo da non poter diffondere il virus ad altri animali domestici in questo modo.

Naturalmente, non saprai per certo che il tuo gatto ha il virus a meno che non la porti dal veterinario.



Un vaccino è disponibile per i cani, ma non esiste un vaccino antinfluenzale per i gatti.

I gatti possono anche contrarre l ''influenza suina', che è un virus diverso

È utile sapere che i gatti possono contrarre un virus influenzale diverso noto come influenza suina. Mentre l'influenza canina è H3N2, l'influenza suina lo è H1N1, secondo PetMD . Questo virus può anche diffondersi a cani, maiali e furetti, nonché alle persone. I casi visti negli Stati Uniti hanno indicato che i gatti potrebbero aver contratto l ''influenza suina' dai loro proprietari, secondo l'AVMA . Tuttavia, è ancora raro. I sintomi nei gatti includono tosse, starnuti, letargia, perdita di appetito, febbre, difficoltà respiratorie, occhi che colano e naso che cola.

(Credito immagine: Getty Images)

Altri virus a volte sono noti come 'influenza felina'

Alcune persone usano la frase 'influenza felina' per riferirsi a un numero qualsiasi di virus respiratori che i gatti potrebbero contrarre. Secondo Blue Cross For Pets , l ''influenza felina' si riferisce tipicamente a uno dei due virus: il calicivirus e il virus dell'herpes felino. Riferendosi a questi come l'influenza del gatto è più frequente nel Regno Unito. Il calicivirus è tipicamente più mite e può includere ulcere alla bocca nei gattini. Il virus dell'herpes è più grave. Tuttavia, diversi tipi di infezioni batteriche possono anche essere chiamate 'influenza' nei gatti. Uno di questi è la bordetella bronchiseptica, che può causare la tosse del canile nei cani.

La conclusione è che se il tuo gatto ha i sintomi di un virus respiratorio, portalo subito dal veterinario. Non sarai in grado di capire da solo cosa ha perché ci sono così tante possibilità diverse. Potrebbe aver bisogno di medicine o antibiotici, a seconda se ha un virus o un'infezione.