Gatti: conferme positive del virus influenzale H1N1 nel marzo 2011

di Dr. Patrick Mahaney

L'evidenza clinica che il virus dell'influenza H1N1 infetta sia le persone che gli animali dovrebbe attirare l'attenzione di tutti i proprietari di animali domestici. Di recente ho pubblicato La ricomparsa del virus influenzale H1N1 nei gatti del Wisconsin solleva importanti preoccupazioni per la salute pubblica dopo che i custodi umani hanno diffuso la loro malattia agli amici felini domestici.





I virus influenzali si sono dimostrati in grado di trasmettere tra organismi attraverso il contatto diretto con le secrezioni corporee e persino di mutare combinandosi geneticamente con virus altrimenti noti per infettare specie diverse (vedere La pandemia di influenza suina è terminata, ma emerge il virus ibrido H1N1 ).

Fino al non romantico annuncio del 14 febbraio 2011 dell'infezione da H1N1 gatti in Wisconsin, l'ultimo caso positivo confermato di H1N1 negli animali da compagnia è stato nel gennaio 2010. Tutte le segnalazioni di infezione da H1N1 negli animali domestici sono accuratamente dettagliate sull'American Veterinary Medical Association Sito Web di epidemia di virus influenzale H1N1 2009 .

Con ogni mese che passa, più casi di H1N1 si stanno materializzando in più specie. Nel 2011, abbiamo iniziato con i gatti, siamo passati ai furetti e ora un altro gatto è risultato positivo all'H1N1. I cani o altri animali da compagnia saranno la tendenza popolare per la primavera? I cani sono stati infettati in passato, con conferme avvenute a New York (vedi Prima infezione da H1N1 del cane negli Stati Uniti nel 2009 confermata a New York ) e in Cina (vedi H1N1 L'influenza suina infetta i cani in Cina ).



All'inizio di marzo, un rifugio per furetti del Kentucky è stato colpito dal virus, che ha portato al eutanasia di un furetto e conferma positiva da uno dei sopravvissuti rimasti. In questa 'zona calda' virale, tutti i furetti hanno mostrato segni clinici del tratto respiratorio, come letargia, tosse, starnuto, secrezione nasale e alterazione del modello respiratorio). Fortunatamente, tutti i furetti sono sopravvissuti, tranne quello che è stato soppresso. Secondo quanto riferito, la fonte dell'infezione era un lavoratore di un rifugio che soffriva di lievi sintomi simil-influenzali.

Il mio stato di origine, la California, ha avuto il suo primo caso positivo confermato di H1N1 nel 2009, quando Maddie il gatto si è ammalato e alla fine si è ripreso (vedere Il gatto di Los Angeles è la prima infezione da virus H1N1 confermata in California nel 2009 nei felini domestici ).

Recentemente, un secondo caso è stato verificato in California quando un gatto con una storia di malattia cronica delle vie respiratorie è risultato positivo per H1N1 e altri agenti virali (Herpesvirus felino di tipo 1 e Calicivirus) e batterici (Mycoplasma felis). Si ipotizza che questi altri organismi infettivi possano aver reso il gatto più suscettibile all'infezione da H1N1. Secondo quanto riferito, il proprietario del gatto era malato di influenza poco prima che comparissero i sintomi del suo animale domestico e i test diagnostici ( Pannello Real PCR per la malattia respiratoria superiore felina Idexx ) è stato eseguito.



Questa recente ondata di malattia mi fa rafforzare il fatto che gli esseri umani, in quanto custodi l'uno dell'altro e degli animali, devono essere vigili nel mantenere una buona Salute abitudini e igiene. Sforzati di promuovere un sistema immunitario sano sia in te che nel tuo animale domestico attraverso a dieta nutriente , regolare esercizio , adeguata idratazione, riposo sufficiente e riduzione dello stress. Inoltre, assicurati di affrontare immediatamente la malattia con un professionista della salute e di prevenire la diffusione di organismi infettivi evitando il contatto ravvicinato con altre persone e animali domestici quando sei malato.

Il dottor Mahaney si è laureato presso la University of Pennsylvania School of Veterinary Medicine ed è anche un agopuntore veterinario certificato. Vive e lavora a Los Angeles, California, e lavora a stretto contatto con le organizzazioni di soccorso locali. Scrive anche per Colonna di Los Angeles Pet Care Examiner .