Registro degli abusi sugli animali e perché Wayne Pacelle dell'HSUS si oppone

Ieri ho ricevuto due e-mail da due diversi gruppi per il benessere degli animali che esprimevano opinioni opposte sullo stesso argomento. Il primo è venuto dal Fondo per la difesa legale degli animali (ALDF) e presentava una foto di Justin, il doberman di 19 libbre trovato affamato e sull'orlo della morte in una casa pignorata.

L'ALDF riportava due grandi notizie: in primo luogo, Justin si è ripreso e ora vive stabilmente, felicemente, con l'ufficiale che lo ha salvato. In secondo luogo, la legge di Justin - la legislazione responsabile della creazione di un registro di abusi sugli animali - è ora nei libri contabili.





E perché è così importante? Un database ricercabile di colpevoli di animali condannati sarà ora disponibile per i rifugi nella contea di Suffolk, NY. Gli amministratori potrebbero rifiutarsi di adottare un animale a chiunque abbia una precedente condanna per crudeltà.

La seconda e-mail mi ha avvisato di un file post sul blog scritto dal presidente della Humane Society of the U.S. (HSUS), Wayne Pacelle. Sono un fan di HSUS . Anche se non sono d'accordo con ogni posizione che assumono, credo nella loro missione. Ammiro il loro lavoro per smascherare ed eliminare i mulini per cuccioli e rispetto le pressioni strategiche che hanno svolto a Washington, in particolare a favore degli animali da fattoria.

Quindi ero particolarmente confuso nel leggere il post di Pacelle che spiegava la sua mancanza di supporto per un registro degli abusi sugli animali. Pacelle vuole invece concentrarsi sulla riabilitazione di coloro che hanno mutilato e ucciso cani e gatti. I suoi argomenti (in corsivo) sono citazioni prese direttamente dal post di martedì:



“Quando condannate per crudeltà, queste persone dovrebbero essere punite. Ma l'esperienza ha chiarito che tali individui rappresenterebbero una minaccia minore per gli animali in futuro se ricevessero una consulenza completa sulla salute mentale '.

Una 'minaccia minore' è un passo nella giusta direzione. Ma per quanto riguarda la posa non minaccia agli animali impedendo ai trasgressori di averne uno di nuovo? Se avessimo tutte le risorse del mondo, la consulenza sarebbe una strategia formidabile da prendere. Ma il mio interesse ora è proteggere gli innocenti, non riabilitare i colpevoli.



'È improbabile che vergognarli (autori di reati) con un profilo Internet pubblico influenzi il loro comportamento futuro, tranne forse per isolarli ulteriormente dalla società e promuovere una maggiore sfiducia nei confronti delle figure autoritarie che cercano di aiutarli'.

Il mio interesse non è aiutare i sadici condannati a reintrodursi nella società. Sto cercando di proteggere gli animali da abusatori noti e un registro è un ottimo strumento per garantire tale protezione.

'E comunque persone diverse da quelle assolutamente impegnate nella nostra causa controllerebbero davvero un sito web del genere?'

Bene, ok, immagino che solo qualcuno impegnato a porre fine agli abusi sui minori controllerebbe il registro della legge di Megan. Ma poiché molti di noi, se non la maggior parte, di noi che lavorano nell'arena dei rifugi sono impegnati a porre fine alla crudeltà, ha senso che controlliamo un sito web del genere prima di adottare un animale.

'Quando qualcuno viene condannato e punito per crudeltà, inoltre, evitarlo o svergognarlo per sempre fa del bene agli animali?'

Sì, se per 'evitamento o vergogna' si intende aggiungere il proprio nome a un fileVietato adottareregistro. Fa molto bene a qualsiasi animale potenziale che un aggressore condannato tenta di acquisire.

'… Gli sforzi per fermare l'abuso sugli animali e migliorare la sicurezza pubblica dovrebbero concentrarsi sull'aumento della crudeltà sugli animali criminali e sulle sanzioni per negligenza e sull'incoraggiamento di un'applicazione più rigorosa di queste leggi.'

Con questo sono d'accordo. Le leggi devono essere rigide, severe e pienamente applicate. E sono d'accordo che l'istruzione umana è un aspetto cruciale per l'eliminazione degli abusi. La prevenzione è il miglior risultato possibile.

Pacelle si chiude affermando:

'Rafforzare il legame uomo-animale è il nostro obiettivo finale, non approfondire la rottura.'

Non vorrei altro che rafforzare quel legame. Ma con atrocità atroci che si verificano ogni giorno, c'è un bisogno più urgente: prevenire la sofferenza. Ciò non significa che non possiamo rafforzare ed educare mentre preveniamo: sono tutti componenti cruciali.

La mia lealtà, in primo luogo, è verso gli animali innocenti che si affidano agli umani per proteggerli. E anche se non sono contrario alla terapia per autori di reati condannati, non sono esattamente pronto a fidarmi di un 'riabilitato' Michael Vick con il mio Pitbull .

Hai capito il mio punto.