Anestesia: è sicura per i gatti? Quando è necessario?

Chirurgia animale, gatto con circuito respiratorio per anestesia, pronto per l

L'anestesia è una parte necessaria di alcune procedure veterinarie. Tuttavia, potresti chiederti se è sicuro e quanto sia necessario per il tuo gatto. Probabilmente non vuoi esporre il tuo gatto a più farmaci del necessario. Inoltre, storie di gatti che hanno reazioni negative all'anestesia possono generare alcune paure tra i proprietari di gatti.

Veterinari e i medici capiscono l'anestesia meglio oggi rispetto a diversi decenni fa. È abbastanza sicuro se somministrato correttamente con protocolli aggiornati. L'anestesia pone ancora alcuni rischi; tuttavia, reazioni negative all'anestesia si verificano raramente nei gatti e ci sono modi per ridurre questi rischi.





Dovrestiseguire sempre i consigli di un veterinario qualificato e professionalequando si tratta di prendere decisioni sull'anestesia per il tuo gatto. Ecco cosa dovresti sapere sull'anestesia nei gatti e quando è necessario.

Cos'è l'anestesia? Che cosa fa?

Gatto sdraiato sul tavolo durante l

L'anestesia è un farmaco o un gas somministrato per iniezione, attraverso una flebo o per inalazione che causa insensibilità al dolore.

Può essere generale, che mette il paziente in un sonno profondo, o locale, che elimina il dolore in un'area specifica del corpo mentre il gatto è almeno un po 'cosciente. Se il veterinario usa l'anestesia generale o locale dipende dalla procedura.



Anestetici locali funziona bloccando i percorsi che portano al cervello da un'area del corpo. Gli anestetici locali comunemente usati nei gatti sono la lidocaina e la bupivicaina. I veterinari di solito li somministrano tramite iniezione o, per le ferite superficiali, per via topica.

Un gatto che necessita di anestesia locale probabilmente riceverà prima un blando sedativo. L'anestesia locale può essere utilizzata per aree specifiche come la bocca o una zampa, oppure può essere utilizzata per aree più ampie come l'addome tramite un'iniezione epidurale.

Con l'anestesia generale, tutte le vie del sistema nervoso che trasmettono dolore al cervello sono attive, ma il paziente non avverte dolore perché il cervello è addormentato. Un sedativo precede questo tipo di anestesia.



Mentre il gatto rimane incosciente, il veterinario inserisce un tubo nella trachea per assicurarsi che il percorso per i polmoni rimanga aperto e che il gatto riceva una scorta di ossigeno.

L'anestesia generale viene solitamente somministrata tramite inalazione di gas come isoflurano o sevoflurano.

Quando è necessaria l'anestesia?

gatti sterilizzati

L'anestesia è quasi sempre necessaria per procedure più grandi e spesso per procedure minori quando un gatto è troppo ansioso e rischia di causare danni a coloro che stanno somministrando il trattamento.

Protegge il gatto dal dolore oltre a mantenere il veterinario al sicuro.

Pulizia dei denti di gatto anestetizzato

Routine cure odontoiatriche spesso richiede l'anestesia. Anche quando i gatti si fidano dei loro umani, spesso resistono anche allo spazzolamento di base dei loro proprietari. Ciò può rendere particolarmente difficile la cura dei denti da un veterinario o uno specialista senza una qualche forma di sedativo.

Se deve esserci un intervento di chirurgia dentale, un'anestesia locale è per lo meno un must, sebbene possa essere utilizzata un'anestesia generale.

L'anestesia locale è necessaria anche per il trattamento di aree specifiche del corpo come una zampa o un orecchio. I veterinari lo usano in genere durante la sutura, la pulizia delle ferite o la rimozione di piccoli tumori. Possono usarlo per anestetizzare aree più ampie del corpo tramite epidurale durante la riparazione di una frattura degli arti.

L'anestesia generale è la scelta per le procedure più complicate come la sterilizzazione e la sterilizzazione o la riparazione di un osso rotto. Può anche essere somministrato durante procedure minori se un gatto è particolarmente ansioso e difensivo.

La decisione tra anestesia generale o locale si basa anche sull'età e sulla salute del gatto, sul tipo di procedura, sugli organi coinvolti e sul tempo impiegato dai farmaci per influenzare il paziente.

Quali sono i rischi?

Gatti Veterinariya.Sterilizatsiya. Gatto sotto anestesia.

Oggigiorno, i rischi che un animale abbia una reazione all'anestesia sono bassi quando vengono seguiti i protocolli. Solo circa uno su 100.000 animali avrà una brutta reazione a un anestetico.

I veterinari possono ridurre ulteriormente questo rischio seguendo alcune linee guida prima, durante e dopo l'intervento chirurgico (vedi sotto). Le reazioni all'anestesia, sebbene rare, variano da lievi a gravi e possono dipendere dal tipo di anestesia utilizzato.

Qui ce ne sono alcuni anestetici utilizzati e gli effetti collaterali potresti aspettarti se il tuo gatto ha una reazione.

  • I barbiturici come il thipental, il tiamila e il methoexital possono causare depressione respiratoria se le dosi sono eccessive. Possono anche far sì che i gatti impieghino più tempo per riprendersi dall'anestesia se sono più anziani, obesi o hanno condizioni che influenzano il metabolismo dei farmaci.
  • La ketamina può causare depressione del sistema cardiovascolare o respiratorio. Queste condizioni includono difficoltà respiratorie, liquido nei polmoni o edema polmonare. È più probabile che appaia nei gatti con malattie cardiache.
  • Il propofol può causare apnea e il sovradosaggio può causare arresto cardiaco. Questo è raro. Di solito, gli effetti sul sistema cardiovascolare sono minimi e nulla di cui preoccuparsi.
  • L'acepromazina può causare ipotermia nei gatti che hanno lesioni del sistema nervoso centrale.
  • L'alotano può causare depressione cardiaca e ipotermia in alcune razze.
  • L'isoflurano può causare depressione dei sistemi respiratorio e cardiovascolare.

Cosa dovrebbe accadere prima di somministrare l'anestesia?

Infermieri veterinari esaminando gatto sul tavolo nella pratica veterinaria

Ci sono diverse cose che il tuo veterinario farà per ridurre il rischio di complicazioni durante la somministrazione dell'anestesia. Il tuo veterinario dovrebbe eseguire un test pre-anestetico della funzione renale, epatica, pancreatica e del midollo osseo per assicurarsi che il tuo gatto non abbia alcuna condizione che potrebbe causare una brutta reazione all'anestesia.

Un numero elevato di globuli bianchi, ad esempio, può significare che il tuo gatto ha un'infezione batterica e il tuo veterinario vorrà aspettare che l'infezione riceva un trattamento completo prima di somministrare l'anestesia.

Anche i gatti con asma, diabete o ipertiroidismo potrebbero aver bisogno di protocolli modificati per l'anestesia, quindi è importante che tu condivida la storia medica del tuo gatto con il tuo veterinario.

Il veterinario dovrebbe anche testare i livelli di elettroliti per assicurarsi che il tuo gatto non soffra di disidratazione o squilibrio elettrolitico.

Il veterinario può inserire un catetere IV per mantenere il tuo gatto idratato o per somministrare farmaci se qualcosa va storto. Il fluido EV aiuta anche a mantenere la pressione sanguigna e aiuta il gatto a riprendersi dall'anestesia aiutando il fegato ei reni a eliminare i farmaci dal corpo.

Cosa dovrebbe accadere durante l'anestesia?

procedura chirurgica in un ospedale veterinario

È importante che i gatti siano tenuti al caldo per tutto il tempo processo di ricezione dell'anestesia . Quando i loro corpi rimangono caldi, metabolizzano i farmaci più facilmente. Il calore renderà anche il tuo gatto più a suo agio.

Inoltre, è importante ridurre al minimo lo stress utilizzando una combinazione di sedativi, pratiche che includono prodotti a base di feromoni, tecniche di manipolazione e farmaci antidolorifici.

Un assistente chirurgico o un tecnico veterinario monitorerà il tuo gatto durante l'intera procedura. Controlleranno i segni vitali e regoleranno i livelli di anestesia. Un cardiofrequenzimetro, un elettrocardiogramma in grado di misurare battiti cardiaci insoliti e un monitor della pressione sanguigna terranno traccia di quei segni vitali.

L'assistente o il tecnico controllerà anche la temperatura corporea del tuo gatto e potrebbe monitorare i livelli di ossigeno e anidride carbonica nel sangue del tuo gatto.

Quanto tempo dovrebbe riprendersi un gatto dall'anestesia?

Un

Il tuo gatto dovrebbe riprendersi abbastanza rapidamente grazie ai moderni miglioramenti negli anestetici. È probabile che torneranno alla normalità entro pochi minuti o ore.

Il tuo gatto sarà probabilmente più stanco quando tornerà a casa, ma questo è dovuto allo stress della procedura più che ai farmaci. Se il tuo veterinario ha fornito al tuo gatto i liquidi IV adeguati, dovrebbe essere in grado di far passare il farmaco fuori dal loro sistema abbastanza rapidamente.

È importante seguire tutte le istruzioni che il veterinario ti dà quando esci per assicurarti che il tuo gatto continui a riprendersi correttamente.

Hai dubbi sull'uso dell'anestesia per le procedure sul tuo gatto? Il tuo gatto ha dovuto ricevere l'anestesia in passato? Fateci sapere nei commenti qui sotto!